De Vincentiis Eva

(Brindisi 1863 - ?)

Per quanto reiteratamente presente in molti dizionari bio-bibliografici novecenteschi in ragione della sua attività editoriale, Eva De Vincentiis conserva, a tutt’oggi, un profilo biografico nebuloso. Impegnata sul fronte emancipazionista vive nella maturità a Roma. Nel 1898 è tra le fondatrici, insieme con Maria Montessori, Giacinta Martini, Maria Koenen, dell’ associazione “Per la Donna”. Partecipa in qualità di relatrice al primo Congresso del Consiglio nazionale delle donne italiane indetto nella capitale nel 1908.

Vizi del popolo. Bozzetti pugliesi
Firenze, Barbera, 1883.

Nella Mala vita
Roma, Voghera, 1897, 2ed. Milano, Baldini Castoldi.

Et Ultra! racconti
Città di Castello, S. Lapi, 1908, ristampa 1912.

Un grave problema studiato da una donna

Roma, Tip. Cooperativa sociale, 1910.

La donna nell’arte – Antonietta De Stefano
in «La Donna», Torino, 20 maggio 1913.

Macchiette femminili dal sec.XVIII al XX
Citta di Castello, Ed. S. Lapi, 1912.

I doveri della donna nel dopoguerra; le parole di un uomo alle donne dei nostri tempi
Roma, Loescher, 1920.

Una parola dall’oltretomba sull’educazione della gioventù, pagine dettate da una individualità disincarnata, con prefazione del medium
Napoli, Soc. Ed. Partenopea, 1921.
 


Bibliografia:
- MariaGabriella Calogiuri, “Colla ragione come col cuore”. Autrici meridionali tra modernità e tradizione, Lecce, Milella, 2008, pp. 37-59.

Joomla25 Appliance - Powered by TurnKey Linux